Montalti e Zoffoli (Pd): “Pronti 100 milioni dalla Regione per il nuovo polo”.

Il Nuovo Ospedale di Cesena sarà una struttura in grado di rispondere alle moderne esigenze, organizzative e funzionali, del sistema sanitario cittadino e della Romagna. Il progetto, sulla base dello studio di pre-fattibilità, è stato illustrato in Comune a Cesena, alla presenza del Presidente Stefano Bonaccini e dell’Assessore alla sanità Sergio Venturi. I consiglieri regionali Lia Montalti e Paolo Zoffoli, anche in veste di Presidente della Commissione Politiche Sociali e per la Salute, accolgono con soddisfazione questa notizia.

Il nuovo ospedale di Cesena – dicono i consiglieri PD – rappresenta un investimento strategico sia per il territorio cesenate che per la tutta la realtà romagnola e sarà di certo un punto di riferimento importante per l’azienda unica e per la Comunità. Sin dal principio, come consiglieri regionali del territorio, abbiamo creduto nell’importanza di questo progetto che racchiude al suo interno tutta la volontà di investire in una sanità pubblica al passo con i tempi, sempre più efficiente e vicina ai cittadini.” Il costo complessivo previsto per l’opera è di circa 155 milioni di euro a base d’asta.

Lunedì la Giunta regionale ha approvato la delibera che mette a disposizione, per la costruzione del nuovo ospedale, 100 milioni di euro dal fondo sanitario regionale, mentre gli altri 55 milioni arriveranno: 20 da un presumibile ribasso d’asta, 15 da alienazioni di cespiti che si trovano nell’area Cesenate e 20 da mutui che l’Ausl accenderà in quota parte Cesenate. Questo progetto –proseguono Montalti e Zoffoli – ha un grande valore non solo dal punto di vista sanitario, ma anche per il tipo di investimento economico e per il lavoro che metterà in moto. Nei prossimi anni dunque si dovrà rapidamente procedere alla progettazione e poi alla realizzazione dell’infrastruttura, mantenendo comunque, in questa fase di transizione, l’attenzione rispetto alla qualità dei servizi forniti al Bufalini.

Montalti e Zoffoli guardano al futuro e confermano l’efficienza del nuovo polo. “È evidente che bisogna guardare avanti e predisporre progetti che abbiano una visione di lungo periodo. In questo senso va valorizzata la lungimiranza dimostrata da Comune e Regione. Dobbiamo pensare alla sanità del futuro –concludono Montalti e Zoffoli– puntando su tecnologie ed innovazione senza rinunciare all’umanizzazione del settore. Il percorso partecipato che ha coinvolto cittadini, professionisti, associazioni e parti sociali insieme alla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria dell’Ausl della Romagna ha rappresentato due anni di intenso lavoro dell’Amministrazione comunale e dell’Ausl ed è un ulteriore valore ed un segnale concreto di come insieme si possano costruire percorsi innovativi, vicini e in sintonia con le esigenze della comunità. Anche per questo ci auguriamo che tale modello venga mantenuto in tutte le fasi che porteranno all’inaugurazione del nuovo polo sanitario”.

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.