Seleziona una pagina

Qualche settimana fa ho partecipato a Bruxelles al meeting finale del progetto europeo Jobtown. Un progetto sulle politiche per promuovere l’occupazione giovanile di cui il Comune di Cesena è capofila, che ho avuto modo di seguire nella sua evoluzione mentre ero assessore ai progetti europei. Ogni progetto europeo, finanzia, con i fondi europei, anche momenti di confronto tra i partecipanti, con l’obiettivo di condividere le esperienze maturate e costruire nuovi percorsi (per saperne di più su Jobtown www.comune.cesena.fc.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9688)

Sono stata a Bruxelles poco più di 24 ore, che si sono rivelate intensissime perché insieme alla conclusione del progetto, con i rappresentanti del Comune di Cesena, abbiamo organizzato alcuni incontri istituzionali per avviare nuovi progetti.

Abbiamo incontrato il Servizio di rappresentanza a Bruxelles della Regione Emilia-Romagna confrontandoci sulle strategie per portare risorse europee nel territorio. Parole chiave ‪#‎agrofood, ‪#‎macroregione adriatico ionica, smart specialization strategy, e naturalmente cultura e ‪#‎BibliotecaMalatestiana.

11069608_10153154659464281_3611505126114186828_n

Abbiamo inoltre fatto visita a Damiano Zoffoli che ha appena avviato la sua esperienza da parlamentare europeo per capire come costruire una solida collaborazione tra Bruxelles e il nostro territorio.

1526389_10153154659739281_8033153600576336563_n

E poi ho partecipato al meeting finale del progetto Job Town pensando già a nuovi progetti su cui lavorare.

11082561_10153154659324281_1626590136954087379_n

Infine, prima di partire ho fatto una brevissima visita al Parlamentarium (www.europarl.europa.eu/visiting/it/parlamentarium.html), il museo permanente dell’integrazione europea. Mi piace sempre quando sono a Bruxelles ritagliarmi una mezz’ora per visitarlo. Era pieno di scolaresche provenienti da tutta europa. Guardandoli passeggiare tra le immagini dell’Europa di ieri e di oggi ho pensato che è una storia ancora tutta da scrivere, quella europea. Non ci dobbiamo dimenticare mai da dove siamo partiti e quello che ha mosso i padri fondatori. Ovvero costruire un futuro di ‪#‎pace tra i popoli europei. Tenere ben presente questo, significa riconsegnare al progetto europeo quell’anima di cui oggi più che mai abbiamo bisogno.

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.