Seleziona una pagina

“#chiudiamoilcerchio è l’hashtag che come PD abbiamo usato per spiegare i contenuti principali della nuova legge regionale sui rifiuti, ma per me, che ne sono stata relatrice in Assemblea Legislativa, è molto di più perché oggi con questa riforma è in continuità col percorso iniziato sei anni fa come assessore all’ambiente di Cesena” commenta Lia Montalti, Consigliera PD e relatrice di maggioranza della legge approvata quest’oggi a Bologna.

La riduzione dei rifiuti pro capite del 20-25% cioè meno di 150 kg, la raccolta differenziata al 73% e il recupero dei rifiuti al 70%: sono questi i tre obiettivi che la Regione Emilia-Romagna si pone e fissa una data per farlo, quella del 2020. Per arrivarci mette a disposizione diversi strumenti che sono raccolti nella nuova Legge regionale sui rifiuti intitolata in modo esplicativo ‘Disposizioni a sostegno dell’economia circolare, della riduzione della produzione dei rifiuti urbani, del riuso dei beni a fine vita, della raccolta differenziata’ approvata quest’oggi dall’Assemblea Legislativa.

“Gli obiettivi che ci proponiamo di raggiungere con la nuova normativa e gli strumenti che mettiamo in campo per farlo, sono strettamente collegati con i progetti e le iniziative messi in campo sul territorio – ripercorre l’ex assessore cesenate – a partire dalla raccolta porta a porta, passando per i progetti di riduzione dei rifiuti come IO RIDUCO!, ai progetti promossi da scuole e associazioni sul recupero, riuso e sullo spreco alimentare e quelli di educazione ambientale realizzati in collaborazione con il CEAS, Centro di educazione alla sostenibilità.

La nuova legge regionale sui rifiuti parte delle esperienze, anche del nostro territorio, e va oltre affrontando i temi che mancavano come il poter attuare la tariffa puntuale, ovvero la possibilità per cittadini ed imprese, di pagare per rifiuti indifferenziati effettivamente prodotti. Una novità assoluta – afferma con convinzione Montalti – che immette nel rapporto tra cittadini e servizi ambientali una maggiore equità”.

Altra novità introdotta dalla legge è il Fondo per incentivare i progetti dei comuni che migliorano il servizio di raccolta dei rifiuti, che mettono in atto la tariffa puntuale, che realizzano i centri comunali per il riuso e investono in progetti di riduzione dei rifiuti.

“In questa maniera vogliamo trasformare i rifiuti da problema ad opportunità, non solo in termini di sostenibilità, ma anche economici e di occupazione. Questa legge, che è la più avanzata sul tema dei rifiuti a livello nazionale, è stata possibile, ci tengo a dirlo – conclude Lia Montalti – anche grazie alla passione e all’impegno di tanti, cittadini, volontari, associazioni, quartieri e delle città, come quella di Cesena”.

12038441_10153640252079281_8752336494945525687_n

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.