Seleziona una pagina
Approvato dall’Assemblea Legislativa il Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti che definisce i primi passaggi per il conseguimento degli obiettivi fissati dalla legge regionale 16/2015 ‘Norme in materia di economia circolare’.
“La transizione all’economia circolare, la stiamo, passo dopo passo, costruendo con slancio, responsabilità e convinzione. – commenta la Consigliera regionale PD Lia Montalti, relatrice proprio della legge 16 approvata lo scorso anno – Con questo piano abbiamo messo in campo politiche e obiettivi ambiziosi, ma soprattutto diamo vita a strumenti e azioni concrete per realizzarli. Gli obiettivi di cui parliamo e da attuare entro il 2020 sono la riduzione del 20-25% della produzione pro-capite di rifiuti urbani, la raccolta differenziata al 73%, il riciclaggio di materia al 70%”.
“Attraverso lo sviluppo della filiera del recupero e soprattutto grazie all’introduzione della tariffa puntuale in base alla quale ciascuno paga a seconda di quanto rifiuto indifferenziato produce, e a riguardo sottolineiamo che ora il lavoro spetterà ai Comuni che attraverso Atersir dovranno scegliere la modalità più consona rispetto ai loro piani locali, ci dotiamo degli strumenti utili a produrre minori quantità di rifiuti e quindi a consentire di utilizzare meno gli impianti di termovalorizzazione” spiegano Montalti e la collega Rontini.
“Il Piano – puntualizza Manuela Rontini, Presidente della Commissione Territorio e Ambiente dell’Assemblea Legislativa – è frutto di un percorso lungo, approfondito e partecipato. Lo dicono i numeri: 12 sedute di Commissione sempre trasmesse in diretta streaming per un totale di quasi 26 ore di confronto e dibattito, una udienza conoscitiva durante la quale abbiamo ascoltato i rappresentanti dei Comuni, dei gestori degli impianti, dei comitati ambientalisti e delle imprese (67 partecipanti, 22 interventi). Questo lavoro andrà rafforzato dalle due fasi di monitoraggio che abbiamo previsto: una annuale e una intermedia, già fissata al 2017, per verificare l’andamento del Piano. In più abbiamo voluto istituire l’osservatorio dei costi con la funzione di integrare e analizzare le informazioni tecniche e infrastrutturale, territorio per territorio, correlandole agli impatti economici e alle conseguenti ricadute”.
“Realizzare appieno l’economia circolare è una necessità oltre che una precisa volontà politica. Per arrivarci dobbiamo governare una fase di transizione che richiede certamente un mutamento delle abitudini dei cittadini. Si tratta di una questione ambientale, economica, ma anche culturale e con gli strumenti messi in campo dal piano regionale cerchiamo di agire su tutti e tre questi fronti, ben consapevoli si tratta di un punto di partenza e non di arrivo” concludono le Consigliere PD Montalti e Rontini.

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.