Poste Italiane ha avviato un nuovo servizio di recapito della posta definito “a scacchiera”. Dopo una prima sperimentazione, avvenuta in Sicilia, questa nuova modalità di consegna della corrispondenza a quanto pare è arrivata anche in alcuni Comuni dell’Emilia-Romagna: si è già partiti da Cesena, Forlì e altri comuni del Bolognese, e pare che più avanti sia  previsto l’allargamento ad altre aree.

“Qui a Cesena si è scoperta questa preoccupante novità grazie alle segnalazioni da parte di alcuni abbonati ad un diffuso periodico locale. Segnalazioni sono arrivate anche in Comune, come afferma il Sindaco Paolo Lucchi, che ha inviato una lettera ai rappresentanti cesenati in Parlamento e in Assemblea Legislativa regionale, ma nessuna comunicazione ufficiale è giunta dalla diretta interessata, ovvero Poste Italiane” spiega Lia Montalti, Consigliera regionale PD che la prossima settimana depositerà un’interrogazione in Regione sul tema.

“Voglio fare chiarezza – dice Montalti – su questa vicenda, che è grave in quanto il cambiamento della modalità di consegna della posta non è stato comunicato né alle amministrazioni locali, né ai cittadini, e tantomeno a chi usufruisce del servizio postale. Non è possibile che un servizio fondamentale come quello postale venga modificato senza che ciò sia concordato con alcuno, e che di tale modifica si faccia l’amara scoperta solo attraverso i disservizi segnalati dai cittadini. 

Con l’interrogazione alla Giunta della Regione chiederò di verificare se si fosse in qualche modo a conoscenza della riorganizzazione del servizio – rimarca Montalti – e se non si ritenga opportuno, alla luce di quanto sta accadendo, convocare in Regione Poste Italiane per chiedere conto di una decisione unilaterale, non concordata ma nemmeno comunicata ufficialmente, che pare quanto meno improvvida”.

 

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.