Seleziona una pagina

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato, martedì 10 marzo, la legge sul taglio ai costi della politica, proposta dal Pd e dalla maggioranza.

Il provvedimento stabilisce il taglio di mille euro all’indennità dei consiglieri regionali, l’azzeramento delle risorse dei gruppi consigliari, ad esclusione di quelli per il personale, e l’eliminazione completa dell’indennità di fine rapporto che era prevista per i consiglieri regionali. Una operazione che produrrà risparmi per più di 7 milioni di euro.

“Ho fortemente voluto e creduto in questa legge, insieme agli altri consiglieri del Pd e della maggioranza – dice Lia Montalti, consigliere Pd e tra i firmatari – Ci siamo presi con i cittadini e i nostri elettori l’impegno di portare più sobrietà e trasparenza in Regione e questo provvedimento, approvato in tempi accelerati, va proprio in questa direzione. Con questa legge anticipiamo le politiche nazionali, portando l’indennità dei consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna al livello del sindaco del comune capoluogo, e rendendola la più bassa tra tutte le regioni italiane”.

I risparmi potranno essere utilizzati per finanziare interventi nell’ambito delle politiche del lavoro, del microcredito e della legalità.

“Sono consapevole che non si recupera il rapporto di fiducia con i cittadini solo sulla base dei tagli ai costi della politica – afferma Montalti – ma sono anche convinta che questa legge rappresenti un segnale chiaro di impegno, di serietà e di responsabilità per ricostruire quel rapporto. Poi la vera sfida è quella di dimostrare, giorno per giorno, nei fatti, che una politica diversa è possibile. Oggi abbiamo fatto un passo importante in questa direzione”.

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.