Seleziona una pagina

Sono relatrice di maggioranza del progetto di legge d’iniziativa della Giunta recante “Legge di modifica e semplificazione della disciplina regionale in materia di commercio”. 

Il progetto di legge, ha riportato Andrea Corsini, assessore al Turismo e commercio, “si compone di 6 articoli e detta importanti e urgenti disposizioni di modifica della disciplina regionale in materia di commercio, al fine di semplificare e rendere più trasparenti e certi i procedimenti previsti dalla legge regionale”. Gli ambiti interessati dalla modifica normativa, ha aggiunto l’assessore, “sono la distribuzione dei carburanti per autotrazione, il commercio su aree pubbliche, il commercio in forma hobbistica, il commercio in sede fissa, limitatamente ai punti vendita di merci ingombranti non immediatamente amovibili e a consegna differita, e l’attività di somministrazione di alimenti e bevande”.
In merito agli impianti di distribuzione dei carburanti per autotrazione, si prevede, ha spiegato l’assessore, che, “in caso di sospensione dell’attività, dopo due anni scatti la decadenza dell’autorizzazione e il conseguente obbligo di messa in pristino del sito”, ovvero il ritorno alle condizioni originare. Riguardo al commercio su aree pubbliche, si dispone che “i titoli abilitativi (SCIA e/o autorizzazioni) sospesi o revocati siano tolti dalla disponibilità del titolare e riposti a quella del Comune che ha adottato il provvedimento sanzionatorio, onde evitare che un titolo revocato venga utilizzato illegittimamente”. Quanto al commercio in forma hobbistica, “data la necessità di intervenire in maniera organica e strutturale sulla materia, la Giunta presenterà un emendamento per stralciare le modifiche, parziali, introdotte nella proposta di legge in esame”. Relativamente ai punti vendita di merci ingombranti, “che, però, a fronte di elevate dimensioni strutturali, hanno un flusso di vendita contenuto e differito, si prevede il computo in misura ridotta della superficie di vendita per il calcolo degli standard urbanistici (accessibilità all’area e parcheggi pertinenziali)”. Infine, circa l’attività di somministrazione di cibi e bevande, “si estende la validità dei requisiti professionali richiesti per la vendita di generi alimentari (titolo di studio, corso di formazione oppure pratica professionale)”.

 

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.