Seleziona una pagina

Caro Presidente,

Ho da pochi giorni terminato una serie di incontri sul territorio cesenate intitolati “Open Regione: i primi 100 giorni del Pd in Regione”, che mi hanno visto incontrare e confrontarmi con iscritti del Pd, simpatizzanti, rappresentanti delle istituzioni locali e anche semplici cittadini in un “tour” per il territorio che ha toccato sia la città di Cesena, sia la zona del Rubicone-mare, sia il territorio della Vallata del Savio.

Ti scrivo dunque, dando seguito a quanto emerso nel confronto e nel dialogo sviluppatosi durante queste occasioni, anche in vista dell’intervento che farai mercoledì sera alla Festa democratica del Pd Cesenate, per condividere con te alcuni dei principali temi emersi.

Si è parlato molto di riordino istituzionale il percorso della legge che stiamo affrontando e le sue ricadute sul territorio. C’è un grande interesse rispetto alla prospettiva di costituire una area vasta romagnola, ma anche una attesa dei semplificazione nel rapporto tra gli enti e nelle procedure amministrative a cui il riordino darà vita. Al contempo è forte la richiesta di attenzione rispetto a quelle che sono le realtà più fragili, come i piccoli comuni e i territori montani, per esempio pensando a forme di decentramento dei servizi, o al sostegno da dare, anche nel lungo periodo, alle fusioni tra i comuni.

Un altro dei temi centrali è quello del dissesto idrogeologico e della messa in sicurezza del territorio. L’emergenza di febbraio ha fatto vivere in maniera diffusa ai cittadini la fragilità del nostro territorio. Per questo viene valutata in modo molto positivo la priorità che come Regione stiamo dando alle politiche di contrasto del dissesto, e anche il lavoro avviato per un piano di prevenzione decennale che garantisca interventi costanti e il più possibile strutturali.

Anche sul tema di fondi europei l’attenzione è molto alta, la richiesta è quella di rendere il più possibile semplice l’iter di accesso a queste risorse e di comunicare il più possibile l’esistenza di queste opportunità, con una grande attenzione verso chi ne può beneficiare di più come giovani, imprese, start-up, associazioni, enti locali, chi cerca lavoro etc.

Un altro dei temi su cui l’attenzione è massima riguarda le infrastrutture, materiali e immateriali. C’è una grande attesa rispetto all’agenda digitale regionale, con la richiesta di coprire con banda larga ed internet veloce tutto il territorio, anche quello collinare e montano. Sempre sul versante infrastrutture è grande la preoccupazione per il futuro dell’E45, e la richiesta di seguire come Regione con la massima attenzione questo tema.

Sostenibilità, raccolta differenziata, riciclo e filiera dei rifiuti, tariffazione puntuale, sono riconosciuti come temi centrali e strategici, per la qualità della vita e per il rilancio della nostra economia. In questo senso, anche per quel che riguarda settori storici come l’edilizia, si guarda alle opportunità derivanti dalla riqualificazione energetica e sismica, o alle nuove forme di abitare come il co-housing.

E infine i due temi centrali, prioritari, quelli attraverso cui tutto passa, il lavoro e la semplificazione e sburocratizzazione. Ci ricordi sempre che la nostra ossessione deve essere il lavoro, l’obiettivo di ogni nostra azione. I cittadini si aspettano proprio questo da noi, mettere il lavoro al centro, coniugandolo anche con la semplificazione, intesa come meno burocrazia, meno balzelli, per liberare risorse ed energie che possono essere investite sicuramente meglio.

Su tanti di questi temi, come Regione Emilia-Romagna, stiamo già lavorando, con quella velocità ma anche quella vicinanza al territorio, che deve sempre di più contraddistinguerci, come anche tu spesso evidenzi.

Ho concluso questa prima serie di iniziative Open Regione con la rafforzata consapevolezza dell’importanza di avere dei momenti di incontro, in cui prendersi il tempo di raccontare alle persone quello che stiamo facendo e di ascoltare consigli e indicazioni, direttamente, guardandoci negli occhi (questo è il motto che mi ha accompagnato in campagna elettorale e che sto cercando di concretizzare giorno dopo giorno nella mia azione in Regione).

Continuerò a farlo periodicamente, cercando poi di tradurre nel lavoro quotidiano e nel rapporto con te e con la giunta tutte le indicazioni che emergeranno, per poter fare sempre meglio il nostro lavoro, stando vicini, davvero, alle esigenze dei cittadini, delle imprese e degli enti locali.

 

Un caro saluto

Lia Montalti

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.