Martedì 26 in Commissione Sanità è stato approvato il piano predisposto dal Gruppo regionale PD per estendere le vaccinazioni anche a tutto il personale scolastico, alle persone affette da disabilità e ai caregiver. Inoltre il Gruppo ha impegnato la Regione a chiedere chiarezza al Governo sulle tempistiche degli approvvigionamenti vaccinali e sulle categorie vaccinabili con precedenza.

Ma non solo: è stato votato all’unanimità un emendamento presentato dalle minoranze per aprire ai locali da spettacolo la possibilità di diventare sede vaccinale temporanea. Personalmente mi trovo totalmente in linea con questa decisione.

Tra tutti i settori messi in ginocchio dal covid, quello della Cultura è uno dei più vessati e, all’interno del comparto, teatri, sale cinema, sale da concerto e da ballo sono tra i più provati. Ci sono imprenditori del nostro territorio che non lavorano da quasi un anno. E, non nascondiamocelo, la ripartenza non sarà così semplice, anche se in Regione faremo di tutto e di più per sostenerla. In questo momento, però, chi gestisce strutture che rispettino i termini di sicurezza per diventare sede vaccinali temporanee devono avere la possibilità di farlo.

In previsione, nel momento in cui si aumenteranno i numeri delle vaccinazioni, poterle fare su strutture solide e in sicurezza permetterebbe un notevole risparmio di tempo e denaro: in Romagna i nostri gestori poi sono perfettamente in grado di gestire anche flussi numerosi di persone. Si darebbe respiro alle strutture convenzionali e si darebbe la possibilità di lavorare a una categoria che in questo momento è in ginocchio. Ovviamente nel rispetto di quanto previsto dalle normative sulla profilassi.

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.