Lia Montalti (Consigliera regionale PD) “All’Emilia-Romagna oltre 55 milioni di euro per creare nuova e buona occupazione

Approvato oggi in Assemblea Legislativa il Piano Regionale volto ad attuare su scala regionale le misure disposte dal “Programma nazionale GOL – Garanzia di occupabilità dei lavoratori” nell’ambito dalla Missione 5, Componente 1, del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dove, congiuntamente al varo del Piano per le nuove competenze, al potenziamento dei Centri per l’impiego e al rafforzamento del sistema duale, si prevede un investimento complessivo pari a 4,4 miliardi di euro a cui si aggiungono altri 600 milioni per il rafforzamento dei Centri per l’impiego e 600 milioni di euro per il rafforzamento del sistema duale. All’Emilia-Romagna sono destinati oltre 55 milioni di euro.

“Vogliamo creare nuova e buona occupazione in Emilia-Romagna e vogliamo farlo concentrandoci in particolare sui profili professionali necessari alla ripresa dopo la pandemia. Profili professionali che siano in grado di affrontare fin da subito le sfide che la nostra società si trova davanti. Dobbiamo infatti realizzare un futuro diverso, incentrato su sviluppo sostenibile, innovazione e reti sociali allargate. Per farlo, dobbiamo sapere quali profili professionali servono e come costruirli, come riqualificare le figure professionali e dobbiamo incentivarne la mobilità interprofessionale. Il piano che abbiamo approvato oggi in Aula va proprio in questa direzione e le ingenti risorse stanziate ci permetteranno di effettuare un cambio di passo in tempi rapidi”.

“Nel piano regionale abbiamo delineato quelle che devono essere le principali azioni per lo sviluppo del programma: azioni per l’integrazione con le politiche della formazione, per il consolidamento della rete territoriale dei servizi, per la cooperazione tra sistema pubblico e privato, per il coinvolgimento delle imprese e del territorio. Ma non solo, a queste seguono infatti quelle azioni volte a garantire una maggiore capillarità e prossimità dei Centri per l’impiego, così come una maggiore digitalizzazione dei servizi. Un’attenzione particolare è poi rivolta alle persone maggiormente a rischio di marginalità, con misure specifiche volte a prenderle in carico e accompagnarle verso l’occupazione. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere almeno 50 mila beneficiari GOL in Emilia-Romagna, coinvolti in attività di formazione, rafforzamento delle competenze digitali e quindi inserimento nel mondo del lavoro”.

I beneficiari del Programma GOL potranno essere: cittadini beneficiari di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro; lavoratori fragili o vulnerabili, cioè giovani NEET (meno di 30 anni), donne in condizioni di svantaggio, persone con disabilità, nonché lavoratori maturi (55 anni e oltre); disoccupati percettori di NASPI o DIS-COLL; cittadini beneficiari del sostegno al reddito di natura assistenziale; disoccupati senza sostegno al reddito da almeno 6 mesi, lavoratori autonomi che cessano l’attività o con redditi molto bassi; lavoratori con redditi molto bassi (i cosiddetti working poor); lavoratori autonomi titolari di Partita IVA.

Lia Montalti : Welcome !

Authorize

Password persa

Registrati

Please contact the administrator.